Home page
 


Links
Home page
ARTIST'S INFO
Bebo Ferra 
 
Nato a Cagliari, intraprende lo studio della chitarra all'età di nove anni indirizzando gran parte della propria ricerca musicale nell'ambito jazzistico. Nel 1979 inizia la sua attività professionale .Si trasferisce poi a Milano, dove collabora per due anni in un orchestra per la RAI di Milano. Entra a far parte del gruppo di Gianni Coscia e in seguito alla seconda edizione del gruppo "AREA" diretto da Giulio Capiozzo. Negli anni '90 diventa uno dei chitarristi più attivi nell’ ambito nazionale; infatti fa parte del gruppo "Internòs" con Paolo Fresu, del quartetto di Pietro Tonolo, del quartetto di Mauro Negri, del quartetto di Michael Rosen , il quartetto'' "Italian Repertory" di Gianni Cazzola. Attualmente dirige un quartetto a suo nome con Javier Girotto, Paolino dalla Porta e Roberto Dani, formazione presentata al festival Umbria jazz 2002, ed è co-leader di un duo con Paolino Dalla Porta e di un trio ( Visions trio)con Rosario Bonaccorso e Fabrizio Sferra ,fa inoltre parte del nuovo Devil quartet di Paolo Fresu : suona attivamente anche con Paolo Damiani ,nel nuovo sestetto di Enrico Pieranunzi e nel quartetto di Raffaello Pareti con A. Salis e S.Cantini.
Nella sua carriera ha avuto modo di suonare in diverse rassegne e festivals di vari paesi quali Francia, Germania, Austria, Colombia, Olanda, Svizzera, Norvegia, Yemen, Belgio, Ungheria, Macedonia, Australia, Nuova Caledonia e di collaborare con
diversi artisti, tra i quali: Alex Foster, John Clark, Enrico Rava, Enrico Pieranunzi , Steve Grossmann, Maria Pia de Vito, Billy Cobham, Dedè Ceccarelli, Franco Ambrosetti, Emanuel Bex, Carol Welsman, Adam Nussbaum, Gianluigi Trovesi, Antonello Salis.

Vision trio :
Bebo Ferra: chitarra
Rosario Bonaccorso: contrabbasso
Fabrizio Sferra: batteria

Il progetto nasce nel 2004, quasi per gioco; già da anni i tre musicisti si inseguivano ma non avevano mai avuto modo di mettere insieme le loro forze in un progetto unitario. La naturalezza con cui è scaturita la musica, già dopo il primo concerto, li ha spinti a credere molto in questa formazione, anche perchè l'organico del trio è in assoluto uno dei contesti più stimolanti ed impegnativi, il luogo dove esprimersi con grande libertà creativa. La loro musica è caratterizzata dall'estrema varietà delle composizioni che hanno però, come comune denominatore, la melodia, la cantabilità e la forma semplice e aperta che permette loro di creare un interplay intenso e un continuo scambio di ruoli senza mai compromettere l'impatto emotivo. A breve questo progetto diventerà anche discografico; è prevista infatti per il 2007 l'uscita del loro primo disco per l'etichetta Abeat Records. Il trio si propone un percorso artistico che fonda le sue basi sulle spiccate personalità e sull'importante esperienza maturata da ogni singolo artista in ambiti jazzistici differenti.


He was born in Cagliari (Sardinia) and began to study guitar at nine years old addressing his musical research towards the jazz genre.
At the beginning of ’80 he started a professional activity with the group “Il Quintetto”, structured by his brother Massimo, who was still a After moving up to Milan he started to collaborate for two years in an orchestra for the Italian television RAI. He than joined up with Gianni Coscia’s group and took part to the second edition of the group “AREA” directed by Giulio Capiozzo.
He takes part to the group called “Internòs” with Paolo Fresu, to the Pietro Tonolo’s quartet, to Mauro Negri’s quartet, to Michael Rosen’s quartet, and to Gianni Cazzola’s quatet called “Italian Repertory”.
At the moment he conducts a quartet called with his same name and with Javier Girotto, Paolino Dalla Porta, Roberto Dani; this group was presented at the Umbria Jazz 2002. The artist is coo-leader of the duo formed with Paolino Della Porta, he plays in the trio with Rosario Bonaccorso and Fabrizio Sferra ( visions trio), and takes part to the new Devil quartet created by Paolo Fresu. He also joins Paolo Damiani to his different projects, Enrico Pieranunzi with six musicians, and Raffaello Pareti’s quartet with Antonello Salis and S. Cantini.

VISIONS TRIO
Bebo Ferra : guitar
Rosario Bonaccorso : double bass
Fabrizio Sferra : drums
The project was born in 2004, as a joke; for quite a few years the three musicians followed each other but they’ve never had the chance to put their forces together in a common project. The truthfulness in their music, after their first concert, gave them a lot of faith in this group, because the trio is one of the most stimulating and challenging context, where the creative of each other can be freely expressed. Their music is characterized by an extreme variety of the compositions that have, as a common background, the melody, the rhythm and the simple and open shape that able them to create a powerful interplay and a continuous exchange of roles without disturb the emotional impact. In shot times this project will be recorded; for 2007 it is preview the edition of their first album under Abeat Records name. The trio wants to extend an artistic way to melt together the strong personalities and the experiences that each artist has developed in different jazz culture.






 
   


Related products
  3 of vision: acoustic, classical & electric guitar
Bill Evans Project : acoustic guitar
Coltrane Project: acoustic guitar
Crocevia : guitars
These days: guitar on track 5
Visions: guitars
Voltage: guitars
Wonderland: guitars
 
     
   
Web development Dataexpert Art direction: Marina Barbensi ©2011 Abeat records
P.IVA 02453100121 - Via Pasubio, 6 - 21058 Solbaite Olona VA - Tel. +39 0331 376380